Le cicatrici che non ho, Marianna Pizzipaolo

A cura di Jessica Martino

A causa del Coronavirus CODIV-19, per la salvaguardia collettiva, siamo chiamati alla responsabilità, per noi stessi e per gli altri: stare a casa, uscire solo per lavoro, questioni sanitarie o di necessità.

Gli ospedali sono al collasso, i contagi continuano e l’unica arma che abbiamo per proteggere noi stessi, chi amiamo ed è più debole, per non rischiare che i medici, da qui a poco, debbano scegliere chi salvare e chi lasciar morire, dobbiamo stare a casa.

È la prima epidemia a livello mondiale che la nostra generazione sta affrontando. Siamo stati presi alla sprovvista, impreparati… siamo impauriti.

I medici, gli infermieri e tutti gli operatori sanitari stanno eseguendo un lavoro egregio, estenuante, faticoso.

Ma ognuno di noi può fare la propria parte. Responsabilità, altruismo e cura di noi e del prossimo, è fare una grande parte.

Quindi, STIAMO A CASA.

Noi di Oui Magazine, nel nostro piccolo, ci stiamo impegnando a incrementare la condivisione dei post di arte, letteratura, e cultura, per intrattenervi, ma ci sembrava ancora poco.

È per questo che abbiamo deciso di farvi un regalo, volto a intrattenervi in questi giorni difficili, di incertezza, paura e quarantena.

Essendo una pagina che tratta argomenti culturali, ci impegniamo a promuovere il decreto di quarantena nazionale emanato dal Premier Conte e il movimento Io sto a casa con Io sto a casa a leggere.

Noi vi consigliamo e offriamo l’assaggio di questo romanzo.

Data di pubblicazione: 19 mar 2019

Editore: LUPIEDITORE

Descrizione:

Quattro personaggi legati da un filo invisibile: Nora, donna misteriosa dal passato sconosciuto, che ogni fine settimana scappa da Salerno, città in cui vive, e si nasconde o forse si rifugia in uno sperduto paesino della provincia.

Gabriele, sfrontato, impertinente, in bilico tra sbagli ed eroina, pieno di vita e di demoni che gli corrodono l’anima.

Mariè, ricco capo d’azienda, la cui vita, apparentemente perfetta, cela l’infelicità e la vacuità dei suoi giorni.

David, l’uomo che tutte vorrebbero e che tutte possono avere, giovane gigolò cubano affamato di vita e di sogni mai realizzati.

Quattro personaggi, due incredibili storie d’amore legate da un filo invisibile destinato a spezzarsi…

Un romanzo ambientato nella nostra Italia, nella bellissima Salerno e provincia. I quattro personaggi di questo romanzo sono così diversi tra loro per vicissitudini di vita, caratteri e storie e ci vuole un gran bel coraggio a cimentarsi per la scrittura di un romanzo d’esordio in un’impresa tanto ardua senza perdersi e senza lasciare nulla al caso.

Perché in questo romanzo nulla è scritto a caso, nulla è lasciato al caso. La scrittrice è stata capace di sciogliere anche il più piccolo nodo di questa trama fitta e intricata.

Quattro personaggi, due storie d’amore e un filo invisibile (fino al fatidico punto) che li unisce tutti e quattro. Un romanzo interiore ed introspettivo, in cui non mancano l’empatia, le emozioni, il pathos, lacrime e sorrisi.

La trama e la storia, già belle di per sé, sono tratteggiate con una prosa a tratti lirica per quanto è ben curata.

Conosciamo bene cosa vi offriamo. Nulla che non passi per le nostri mani e per la nostra approvazione viene dato a voi.

Siamo certi che questo romanzo saprà tenervi un’ottima compagnia per qualche giorno e regalarvi tanto.

Qui potete scaricare il libro.

le-cicatrici-che-non-ho.pdf

E, ricordiamo, STIAMO A CASA.

Con affetto,

Oui Magazine

1 Comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s