Carlo Maria Mariani, La mano ubbidisce all’intelletto, 1983

Reminder: each article can be translated into all languages.
Scroll to the bottom and choose yours
.

In questo dipinto l’artista raffigura due nudi neoclassici che si dipingono a vicenda. Il neoclassicismo si limita però ai due protagonisti, i quali sono collocati in una scena moderna, seduti su due forme geometriche. Oltre all’ironia delle due figure che, in modo speculare, si dipingono a vicenda, il fatto che siano trasportati in un’altra dimensione, come in un viaggio nel futuro, rende ancora più unico il dipinto.
Mariani fu ispirato da una delle Rime di Michelangelo, dedicate alle poetessa Vittoria Colonna, in cui il poeta si esprime sulla capacità dell’artista di estrarre una forma dal marmo e l’incapacità dell’uomo di estrarre il bene (l’amore) dal corpo di una donna.

Non ha l’ottimo artista alcun concetto
c’un marmo solo in sé non circonscriva
col suo superchio, e solo a quello arriva
la man che ubbidisce all’intelletto
.”

– Michelangelo

2 Comments

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s